Viaggio d’istruzione – Sulle orme della Memoria

I ragazzi delle classi terze della Secondaria di Intimiano, il 23 e 24 maggio, si sono recati in gita in Emilia Romagna per visitare i luoghi simbolo di quello che è stato uno dei periodi più tragici della storia italiana: gli anni tra il 1942 e il 1945, in piena II guerra mondiale.

La parola che abbiamo utilizzato di più per preparaci a questa visita è stato l’aggettivo CONSONO: consono il comportamento e l’attegiamento, consono il tono di voce, consono anche se vogliamo l’abbigliamento… per una questione di attenzione, decoro e rispetto dei luoghi e delle persone.

Sin dal primo giorno, quando abbiamo visitato il Campo nazionale della deportazione razziale e politica di Fossili e il Museo del Monumento al Deportato di Carpi, abbiamo capito che le nostre classi hanno seguito il nostro intendimento: gli sguardi interessati, la partecipazione anche con un silenzio attento, le domande e le curiosità espresse erano CONSONE….

Foto da Marcello(18)Foto da Marcello(16) Foto da Marcello(9)

Foto da Marcello(13)Foto da Marcello(8)Foto da Marcello(6)

SUONAVANO cioè INSIEME alle storie e agli oggetti che le guide, sempre coinvolte e precise, ci hanno raccontato: le volte e le pareti dell’ultima stanza del museo sono così dense di nomi scolpiti di caduti per la libertà del nostro paese in quegli anni che non c’è più uno spazio libero… Foto da Marcello(23)

Nel pomeriggio, breve ma intensa visita guidata della città di Bologna con uno spazio dedicato anche alla sala di Anatomia dell’archi-ginnasio per tutti gli appassionati e appasionate di scienza e medicina…

Foto da Marcello(10)Foto da Marcello(11)

Dopo una notte di “meritato riposo” a Riolo Terme , ci siamo recati al Sacrario di Marzabotto, edificato dopo i terribili eventi della seconda guerra mondiale legati a queste colline, per raccogliere in un solo luogo e ricordare degnamente tutte le vittime di guerra di quelle terre martoriate, divise tra gli Alleati che stavano liberando l’Italia e gli Invasori che non volevano lasciare alcun superstite del loro passaggio. Le vittime degli eccidi perpetrati in quesi luoghi sono infatti in gran parte civili: donne, bambini (anche di pochi giorni e mesi) vecchi e ragazzi dell’età dei nostri studenti….

Per renderci conto di persona di quanto accaduto in quei giorni di settembre del 1944 siamo saliti in bus al parco regionale di Monte Sole, in particolare a San Martino, uno dei teatri di quei tremendi eccidi. Qui rimangono “solo”  le rovine, le lapidi e la natura che sembra contrapporsi con i suoi colori e i suoi profumi all’orrore passato su quelle terre.

Foto da Marcello(24)Foto da Marcello(25)Foto da Marcello(19)Foto da Marcello(4) Foto da Marcello(3)Foto da Marcello(2)Essere CONSONI e CONSAPEVOLI è stato allora questo… suonare i nostri pensieri con lo stesso suono, insieme alle voci e ai silenzi di chi ha perso la vita per costruire la nostra libertà.

Conoscere insieme per non dimenticare.

Sulla strada del ritorno, sosta al labirinto di Fontanellato, per un’attività decisamente più leggera: una simpatica e divertente caccia al tesoro tra squadre miste capitanate dai docenti….

Niente paura ..nessun disperso tra i dedali di bamboo del labirinto!!!

1558770617870163791190

 Il viaggio d’istruzione si è quindi concluso alle ore 21,00 con l’arrivo a Intimiano.

Sono stati due giorni intensi e indimenticabili, durante i quali gli alunni hanno dimostrato un comportamento CONSONO E CONSAPEVOLE.

Si ringraziano gli alunni delle terze 2018-2019, l’autista per la professionalità, i docenti accompagnatori per la disponibilità, in particolare la professoressa Losito che si è occupata in maniera efficiente e precisa di tutti gli aspetti organizzativi.

Professoressa Barbara Baron

Destinazione Ambiente Parco di Brescia

Il 9 maggio gli alunni delle classi prime della Secondaria di Intimiano hanno trascorso un’intera giornata presso l’“Ambiente Parco” di Brescia in missione speciale: due laboratori legati alla sostenibilità e al risparmio energetico.

La mattina sono stati impegnati, guidati dagli esperti del Parco, nel laboratorio “Le 4R”. RIDUCO, RICICLO, RIUSO, RECUPERO sono state le parole d’ordine delle attività legate alla conoscenza dei processi subìti da tutto ciò che consumiamo, alla spesa consapevole per evitare sprechi e alla differenziazione dei rifiuti.

La pausa pranzo si è consumata tra i prati del parco, ahimè pieni di pozzanghere lasciate dalla pioggia del giorno precedente, che ci hanno regalato alunni travestiti da “Cavalieri del Fango”, ma attenti e pronti per le attività pomeridiane.

Il pomeriggio si è aperto con il Villaggio degli Eco Cubicinque casette colorate, prototipi di abitazioni poste in sequenza tra la meno e la più attenta ai consumi e tra la meno e la più confortevole per l’uomo. Nella Casa Ecologica, invece, abbiamo visto un vero e proprio prototipo di casa, dove il visitatore può sperimentare con mano la differenza sostanziale fra l’abitare in una casa tradizionale e in una casa ecologica, a ridotto consumo energetico, idrico e con abitudini abitative a basso impatto ambientale.

Prof.ssa Silvia Trezzi

Foto da Marcello-22 Foto da Marcello-23 Foto da Marcello-24 Foto da Marcello-25

Kangourou: matematica senza frontiere

Il 21 marzo 2019, equinozio di primavera, il nostro Istituto ha partecipato insieme ad altre scuole di 90 nazioni alla gara individuale Kangourou di Matematica.

Si tratta di una competizione su scala mondiale che vede coinvolti studenti dalla quarta primaria alla quinta superiore.

Il nome ne suggerisce l’origine. Tutto iniziò a Sidney, nel 1981, quando il prof. di Matematica Peter O’Halloran organizzò un gioco basato su un questionario composto da domande a risposte multiple, corretto da un computer. Ciò permise a migliaia di alunni di poter partecipare simultaneamente.

Lo scopo era ed è quello di divertirsi e di diffondere una cultura matematica di base. I concorrenti sono stati divisi in cinque categorie, a seconda della loro età. Quelle che hanno interessato la nostra scuola sono il livello ‘Benjamin’ per le classi prime e seconde e il livello ‘Cadet’ per le terze.
La prova individuale ha previsto la risoluzione di 30 quesiti in un tempo massimo di 75 minuti. Chissà se qualcuno ha raggiunto un punteggio sufficiente per la qualificazione alla semifinale.
In bocca al lupo!

Prof.ssa Laura Delfino

2 1

Théâtre français

Oggi ha avuto luogo il consueto appuntamento con gli spettacoli teatrali in lingua francese di Lingue Senza Frontiere.

In particolare, gli alunni delle classi prime hanno assistito ad una rivisitazione in chiave comica e moderna della fiaba Barbablù di Charles Perrault.

I ragazzi delle classi seconde e terze, invece, hanno compiuto un “viaggio” in Africa con Tintin e il suo piccolo amico Milou. Con loro sono andati alla scoperta della natura e delle tribù dell’Africa, dove hanno fatto strani e divertenti incontri…

IMG-20190319-WA0003 IMG-20190319-WA0007 IMG-20190319-WA0005 IMG-20190319-WA0001 IMG-20190319-WA0012 IMG-20190319-WA0013 IMG-20190319-WA0022 Schermata 2019-03-19 alle 17.43.48

Visita a Brescia

Nella giornata di mercoledì 6 marzo, i “Toscanini” delle classi seconde si sono recati a visitare la città di Brescia per la consueta uscita didattica di un intero giorno.
La partenza all’alba non ha indebolito gli animi e le menti degli alunni che all’arrivo a Brescia si sono dimostrati attenti e interessati, nonostante il vento freddo delle montagne soffiasse sulle rovine di età imperiale romana.
Camminando per le stradine della Leonessa d’Italia, le classi hanno raggiunto piazza del Duomo e sorpresa….!!! Ne esistono due: le infaticabili maestranze bresciane hanno costruito nel corso dei secoli due bellissimi edifici. Uno più antico a pianta circolare che ricorda il sepolcro di Gerusalemme con una meravigliosa e misteriosa cripta e un tesoro che arriva addirittura dalla Crociate. Quello più recente è stato realizzato a partire dal 1400 e completato nel XIX secolo!
La mattinata si è conclusa con la visita a piazza della Loggia, tristemente famosa per la bomba scoppiata il 28 maggio 1974, una piazza costruita secondo l’architettura veneziana.
Dopo il pranzo e una sana pausa nel parco, tutte le classi hanno partecipato al laboratorio dedicato all’alimentazione consapevole, ricco di attività interattive e spunti di riflessione anche per la tutela dell’ambiente. Tutti bravi….anche i prof.!!
Prof.ssa Barbara Baron
Foto da Marcello-19Foto da Marcello-17Foto da Marcello-16Foto da Marcello-18Foto da Marcello-15Foto da Marcello-14

Opera domani

I “Toscanini” delle classi prime A, B e C ieri si recati al Teatro Sociale di Como per partecipare al progetto OPERA DOMANI – L’Elisir d’amore. Dopo una serie di lezioni preparatorie si sono cimentati nel canto lirico e hanno interagito con Belcore e Nemorino, Adina e Dulcamara e ….l’orchestra. I nostri “gentiluomini” e le nostre “damigelle” si sono accomodati nei palchi divisi in piccoli gruppi e hanno assistito allo spettacolo concentrati e interessati.

La scenografa dello spettacolo ha particolarmente apprezzato i nostri Elisir di classe, al punto da volerne uno come oggetto di scena da utilizzare nelle prossime rappresentazioni e addirittura andare in Tour in Oman!!!

Grazie Opera Domani per le belle emozioni…..!! …E bravi ai nostri Toscanini!!!

Prof.ssa Barbara BaronFoto da Marcello-8 Foto da Marcello-9

Balla coi bulli

Oggi, lunedì 18 febbraio, tutti gli alunni della secondaria d’Intimiamo si sono recati a piedi al Teatro-Auditorium San Giovanni Bosco di Capiago per assistere allo spettacolo teatrale “Balla coi bulli”.

I Ditta Gioco Fiaba si sono esibiti in un western teatrale la cui linea dominante è il faticoso imporsi della giustizia e di un eroe capace di risvegliare gli animi contro i soprusi e le angherie di un inarrestabile criminale.

Ma improvvisamente ecco che il Grand Canyon si trasforma nel corridoio di una scuola e il sole a picco del mezzogiorno di fuoco illumina il cortile dell’intervallo. La fiaba si smonta per prendere i contorni evanescenti di un bambino alle prese con angherie più concrete, quelle del bullismo…

claps_balla-coi-bulli_305761

Speaker per un giorno

Una visita intensa e speciale, quella che ha coinvolto la 1^B presso l’emittente radiofonica CiaoComo, il 24 Gennaio scorso. I ragazzi hanno avuto modo di proseguire in radio un percorso intorno al suono e alle sue caratteristiche, iniziato con la spiegazione della professoressa Delfino. Divisi in sei gruppi, hanno potuto registrare i brevi articoli precedentemente elaborati in classe: la top five delle loro canzoni preferite; una classifica di quanto detestano negli adulti; l’intervista a una delle professoresse presenti sui propri gusti musicali; un’interpretazione comica delle previsioni meteorologiche; un articolo sportivo e un jingle pubblicitario che sponsorizza Babel Fish, un traduttore simultaneo di tutte le conversazioni del mondo e delle lingue degli animali. I loro aiutanti: Alessia, educatrice e conduttrice radio, Lorenzo Canali, direttore e proprietario dell’emittente comasca, Safae, studentessa-stagista dell’Istituto superiore Starting Work e Marco Romualdi, uno dei giornalisti della radio.

È stata una visita particolare, diversa rispetto alla routine scolastica: ha rappresentato un’occasione di apprendimento e, insieme, di divertimento. Curiosando nel lavoro di una radio, i ragazzi di 1^B hanno dimostrato precisione, serietà e spigliatezza davanti ad un microfono.

Prof.ssa Ilaria Marelli

Schermata 2019-02-02 alle 21.51.49 Schermata 2019-02-02 alle 21.52.12 Schermata 2019-02-02 alle 21.54.48 Radio 072